Scoprirmi Dislessica

Un giorno leggendo un libro mi sono resa conto che alcune cose che venivano spiegate a proposito dei dislessici mi calzavano a pennello. Ho iniziato così ad approfondire l’argomento sempre più.

Ci sono diversi gradi di dislessia e credo che sia come le impronti digitali, ognuno ha la sua e anche se è brutto dirlo, chi non è dislessico non può capire, però ci può provare 😉
Per chi non sapesse cos’è e volesse approfondire Associazione Italiana Dislessia

Quello che noto leggendo vari articoli e che si cerca di catalogare e codificare la dislessia, in realtà (sempre secondo me), è una perdita di tempo. Quello che si potrebbe fare e modificare il piano formativo utilizzando un METODO di insegnamento MULTISENSORIALE  perfetto per TUTTI, dislessici e non, e quindi non ci sarebbe bisogno di diagnosi o aiuti speciali, non ci sarebbe bisogno di differenziale. I bambini dislessici non si sentirebbe diversi, anzi, paradossalmente potrebbero non sapere mai di esserlo, non ce ne sarebbe bisogno, perché apprenderebbero tranquillamente.  Tutti trarrebbero benefici, i bambini non dislessici non avrebbero nessun problema, né ritardi nel programma scolastico. Ma ogni cambiamento richiede tempo e a mio parere: troppo tempo!

Conosco personalmente casi, ancora oggi, di genitori che lottano perché venga riconosciuto il diritto del proprio figlio dislessico a un giusto trattamento nell’abito scolastico o ragazzi dislessici che vedono la proprie madri piangere perché vivono la diagnosi come una tragedia. Pazzesco!

La dislessia non è una malattia, né un handicap, ma può diventarlo se il bambino non viene compreso e aiutato.

È assurdo, ma abbiamo un vero e proprio paradosso: i dislessici sono bambini DOTATI con disturbo dell’apprendimento!

La dislessia è semplicemente, un “diverso stile di apprendimento”, come è spiegato benissimo nel libro “Il dono della dislessia” di Ronald Davis, dove vengono poste in evidenza, tra le altre cose, anche le doti dei dislessici. È  vero, certe cose ci riescono meglio, “vediamo” cose che altri non percepiscono. Ci sono tanti personaggi famosi che sono o erano dislessici e grazie a questo hanno scoperto e fatto cose meravigliose, ma quando erano bambini o poco più di tali, hanno sofferto, chi più, chi meno e questo non è giusto!

Io, nel mio piccolo, ho voluto scrivere un racconto che sfiorasse il tema della dislessia per stuzzicare la curiosità, per far capire cosa può pensare e provare una ragazza dislessica, parlando più del sentimento e delle emozioni che possono esserci nel nostro piccolo ma grande mondo.

Il libro non è assolutamente autobiografico, ma è innegabile che tante cose che prova Clara (la protagonista) le ho provate anch’io. Non ho voluto assolutamente fare un libro denuncia, ma un racconto leggero, come quelli che piacciono a me, sia da leggere che da scrivere. Anche se è innegabile che una leggera rabbia mi assale ogni qual volta penso al trattamento subito e all’etichetta che ancora, purtroppo, a volte, mi sento cucita addosso.

Una ragazza come me, è una ragazza come tante, nulla di speciale, ma nemmeno una nullità incapace e svogliata, è semplicemente dislessica.

Per chi fosse curioso di sapere se dislessico può fare il seguente test, è solo un test preliminare per iniziare ad avere degli indizi, non è una diagnosi, sul test stesso troverai le istruzioni, è molto semplice ^_^

Ti segnalo anche un mio amico psicologo che sta lavorando molto per far si che si ponga la giusta attenzione sulla dislessia, ecco i suoi riferimenti:

Benny Fera Psicologo e autore

 

test-dislessia-adulti-2-e1489723234675-2.png

 

Fammi sapere 😉

 

Annunci

6 pensieri su “Scoprirmi Dislessica

  1. Pingback: Tag – Promuoviamo l’Autostima | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  2. Pingback: Beach Volley… ci si prova ^_^ | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  3. Pingback: … non è autobiografico ^_^ | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  4. Pingback: … non fermiamo la fantasia. | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  5. Pingback: Liebster Award 1 – TAG | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  6. Pingback: “Una ragazza come me” alla Radio ^_^ | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...