la spesa… che avventura!

Andare a fare la spesa sembra veramente una missione…

Mi preparo con mascherina e guanti. Una lista ben scritta per non dimenticare nulla e, per non perdere troppo tempo, in ordine secondo gli scaffali che ben conosco.

Arrivo al supermercato che ho vicino a casa, senza andare chissà dove, lì c’è un po’ di tutto!

Non c’è fila ed entro subito.

Saluto la cassiera, che conosco da anni, e inizio… Dentro ci sono già alcune persone e cerco di rispettare la distanza, ma lo spazio e piccolo e quindi aspetto davanti a ciò che mi serve se ho davanti una persona… per rispetto, più che per paura!

mi capita un paio di volte di dover aspettare e sinceramente alcune cose me le sono dimenticate perché dovevo tornare a prenderle dopo invece… ho perso il foglietto e mi sono dimenticata 😛

Mentre giro tra gli scaffali, un signore mi chiede se so dov’è lo zucchero. Forse mi ha vista sicura e ha dedotto la mia conoscenza del posto.

Gli spiego dov’è e mi chiede se so dov’è la farina – gli rispondo: «Non c’è»

«Il lievito?»  mi chiede ancora e rispondo: «Non c’è»

mi ringrazia e si allontana.

Dopo pochi minuti sento che parla al telefono, forse con la moglie. Sta cercando la maionese e si guarda intorno spaesato. Io ci sono proprio davanti e mi allungo per porgerli il tubetto.

Mi ringrazia e mi chiede dove sono le uova. «Non ci sono.»

Mi chiede altre tre o quattro cose e io lo aiuto volentieri.

Un altro signore mi chiede indicazioni e a me sembra di essere tornata indietro nel tempo, a quanto lavoravo in un supermercato ^_^ una vita fa…

Alla cassa il mio carrello è strapieno e inizio a mettere le cose sul nastro, quando è pieno passo in fondo e inizio a insacchettare…

Intanto dico alla mia amica che dovrebbe pagarmi per tutte le indicazioni che ho dato 😛

Lei mi risponde di rimanere a darle una mano visto che è sola… incredibile in questi giorni dove il lavoro dei supermercati è aumentato in maniera assurda, lei è lì sola!

Certe cose non cambiano mai! 😦

Torno al carrello per finire di mettere su le cose, tutta indaffarata per fare in fretta e il signore di prima (quello che mi ha chiesto tante indicazioni) mi dice: «Signorina, se vuole, le metto su io le cose?»

Gli faccio un sorriso, che non so se vede perché ho una mascherina enorme, dico sì e ringrazio.

Finisco di sistemare, pago e saluto e ringrazio ancora… Avrei voluto ringraziarlo anche per quel “signorina” detto forse grazie alla mascherina… ^_^°

Riporto il carrello dopo aver caricato la macchina e un signore non riesce a prendere il carrello con il suo euro… io avevo inserito i 50 centesimi e si offre di fare cambio ugualmente… «Ma no» gli dico «Se vuole provo io con il suo euro.» provo e ci riesco, mi ringrazia e torno a casa…

Mentre guido ripenso a tutto: a quel aiutarsi l’un l’altro, a quei sorrisi sotto le mascherine e… mi commuovo…

E tu, come va la tua spesa?

Buona serata ❤



I miei libri sono su Amazon gratis con  KU oppure da 0,99 ^_^

clicca qui

se invece vuoi recensirli contattami

LA MIA ELLEN Romanzo rosa storico autoconclusivo ambientato nell’ottocento

 

L’AMORE forse ESISTE  romance contemporaneo autoconclusivo

“Una ragazza come me: semplicemente dislessia” è un romanzo che parla di una ragazza dislessia nel pieno dell’adolescenza, tra primi amori e problemi di crescita… parlo di Clara, una ragazza come tante, che si sente sola e inadeguata e invece scopre di essere  SEMPLICEMENTE DISLESSICA

 

65 pensieri su “la spesa… che avventura!

  1. Questa situazione, se potesse essere vista “da fuori”, sembrerebbe surreale, invece è diventata la normalità. Io sono andata ieri mattina, prima delle otto, ed ho incontrato solo un’altra signora… è stata una spesa relativamente tranquilla anche se con tutte le accortezze del caso. Buona giornata

    Piace a 1 persona

    • è la sensazione di questi giorni: vivere in una situazione “surreale”!
      Sinceramente da qualche giorno sembra che in giro ci sia più vita, meno code ai supermercati, forse perché molte persone sono tornate al lavoro. Altre aspetteranno la famose fase due… ma credo che per la “normalità” ci sarà da aspettare…
      Grazie per essere passata ^_^ Buona giornata a te

      Piace a 1 persona

  2. nessuna coda? Che fortuna! Visto che online posso acquistare solo da NaturaSì, dove ovviamente non c’è tutto quello che ci serve per forza dobbiamo metterci, anzi mettermi 😀 , in coda. Oggi dopo due settimane ho cambiato orario ma la coda resta. Unoica consolazione c’era tutto quello che cercavo.
    Comunque è una vera tribolazione

    Piace a 1 persona

  3. La spesa è diventata un piccolo incubo, non solo per la fila in entrata, ma perché devo farla anche per mio padre, e dunque ho con me 2 carrelli (uno normale, ed uno piccolo col manico da trascinare). Passare tra le corsie, evitare la gente, ricordarsi tutto, e poi pagare facendo 2 conti separati… tutto con i guanti e 2 carrelli…

    Piace a 1 persona

  4. in queste giornate si assiste alle cose più incredibili, talvolta comiche da un certo punto di vista. Anche fare la spesa ormai è una cosa stressante, io per fortuna la faccio solo una volta a settimana, anche perché da me le code sono lunghissime, sabato scorso ci sarà stato 200 metri di coda sotto il sole….
    Buona giornata…..😉

    Piace a 1 persona

    • 😥 caspita una coda lunghissima. Dove abito io ci sono molto supermercati e quasi in tutti ci sono cose lunghe, ma noi andiamo (una volta a settimana) in quello piccolo vicino. La coda è breve o assente e si fa in fretta. Ovviamente non c’è molta scelta e tante cose stanno mancando ma… basta accontentarsi, di fame non si muore 😉
      Però concordo, è uno stress…

      Piace a 1 persona

  5. Eh si anche io il supermercato vicino casa lo vivo come momento sociale, super tutta organizzata, lista indispensabile stilata man mano che terminano le cose! Il marito che preme sul risparmio di uscite (ponderate x la spesa) (oggi si è svegliato così). Capita anche a me di dimenticare o di non trovare, si dimenticò non mi da fastidio, penso va beh tornerò ancora intanto farò altro, ma se non la trovo, è il caso del lievito di birra! Accidenti, nulla ne secco ne fresco! Ho ancora delle scorte di quello secco, ma la paura di restare senza, mi debilita! Sono troppo abituata ad averlo sempre in casa, ho sempre impastato è fatto tante cose da me! È frustrante questa cosa! Però si, godiamo dell’attesa x fare la spesa e ti dirò: io dopo la spesa torno a casa sfatta! Non so come sia possibile! 🤷🏻‍♀️
    Beh buona notte

    Piace a 1 persona

    • Anch’io sono solita da anni fare torte pizze da me e spesso anche il pane, ma in questo tempo ho dovuto adeguarmi e diradare le preparazioni… la scarsità della farina non la capisco, perché chiudendo pizzerie e pasticcerie dovrebbe essercene in abbondanza 🤔 ma fa nulla, si mangia lo stesso… bisogna un po’ adeguarsi 🤗
      Io ho un panettiere vicino vicino che vende un po’ di cose… la farina e le uova le ho trovate da lui 😉
      Buona giornata carissima ❤️💋

      Piace a 1 persona

    • Ieri mio marito è uscito per lavoro e nell’occasione è andato in un altro supermercato più lontano ma sempre nel nostro paese… ha trovato poco e prezzi più alti 😔 direi che torneremo al solito…

      Piace a 1 persona

  6. Io vivo in un piccolo paese e il supermercato e’ a due passi da casa mia, non ci sono quasi mai code e la gentilezza tra di noi e’ la norma, anche i sorrisi sotto le mascherine, bacioni cara, ci vorra’ del tempo, tanto tempo, bacioni cara, ❤

    Piace a 2 people

  7. Che bello, Sara… ❤ Mi sarei commosso anch'io. 😉
    Anche noi abbiamo il supermercato sotto casa; ad uscire è mia mamma, che percorre quei corridoi molto in fretta, e prendendo quello che ha scritto nella lista, talvolta dimenticandosi anche lei qualcosa…
    Buona serata! ❤

    Piace a 1 persona

  8. Vado all Alba verso le sette o giù di lì, perché qui escono già tutti e non rispettano niente.
    Ho notato o anche io che c’è voglia di socialità e sguardi in giro.
    Anche qui tutti pasticceri in casa io tento la dieta vegana per tutti rinuncerei anche al one da domani.
    Una scorta vera l’ho fata solo di pomodoro 24 barattoli ne sono rimasti tre
    Domani forse farò scorte di olio mio figlio è un degustatore ma se non gli prendo il pane ? Ho paura che tutti si daranno alla pazza gioia prima della fine di maggio tu come la vedi ?( visto che da voi è iniziato prima )

    "Mi piace"

    • Qui ti posso dire che da lunedì scorso (non pasquetta, ma quello prima) si è sentito molto più movimento e io vivo in periferia… le due settimane precedenti sembrava sempre notte -silenzio assoluto -.
      Non si sentiva parlare nessuno, né le macchine passare. Così è stato anche Pasqua e Pasquetta, il nulla!
      Da oggi si rivede passare macchine, rumori lontani di chi ha ripreso a lavorare… qui ci sono molte botteghe, ma non potrebbero ancora lavorare! Quindi boh… spero solo che fra due settimane non ci sia una nuova ondata…mi auguro solo questo!
      baci cara ❤
      ps: ti ho ripescata dallo spam… chissà perché sei finita lì…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...