HO LETTO “LA STAGIONE DELLA FALCE”

HO LETTO “LA STAGIONE DELLA FALCE” di Samantha Shannon

Antefatto: Cioè… inizio a scrivere questo post mentre ancora sto leggendo il libro, perchè così mi sento di fare… ma lo pubblicherò solo dopo che avrò finito… perchè è giusto che sia così!

Sto leggendo, molto lentamente, questo libro anche perchè è un periodo di intenso lavorando e ho poco tempo per leggere… però, un altro motivo (e forse quello più veritiero), è che questo libro ha bisogno di una lettura attenda e non superficiale, mi piace molto. Strano che nonostante mi piaccia non riesco a divorarlo come faccio con tutti quelli che mi conquistano. Questo lo devo assaporare. Poco alla volta, perchè voglio capirlo e ci sono tanti nomi e tante teorie e tante cose da scoprire e mi sembra che ogni pagina sia lunghissima. Impossibile correre, bisogna capire bene ogni cosa.  L’autrice inserisce tantissimi elementi, tutti molto interessanti che non ti fanno abbandonare la lettura.

Non mi sono immedesimato in Paige, anche se è lei la protagonista e anche se racconta in prima persona. Non riesco in nessun modo a immedesimarmi in lei, anzi formulo dei miei pensieri completamenti discordanti dai suoi. Chi lei chiama amici mi sono sconosciuti e nonostante i suoi sentimenti di affetto per costoro io non li condivido, semplicemente non riesco a comprendere come faccia a ritenerli tali. Viceversa chi lei teme e odia (il Decano soprattutto) ha il mio rispetto e la mia comprensione. Anzi più lei lo odia, più io lo stimo… come fa a essere così cieca… ci sono altri personaggi che lei critica aspramente e che invece io ritengo ci sorprenderanno…

Tutta la storia si svela così lentamente che non posso immedesimarsi in chi sa già tutto, ma non mi dice nulla. Sì perchè il rovescio della medaglia di un racconto in prima persona è che se non trova il modo di raccontarti di se, devi capire da sola molte cose. Ci sono dei flashback o analissi (per dirla in italiano), ma non aiutano tanto a capire la trama, più che altro servono a capire la Paige.

Spesso chiudo il libro e sogno quel modo così odioso e affascinante nello stesso tempo. La violenza brutale non la sopporto e non la comprendo, ecco perchè rispetto il Decano che è più umano di molti umani… chissà cosa nasconde. Sono sicura che mi sorprenderà sempre più, mi piace e credo non mi deluderà come invece fa Paige con il suo odio incondizionato e a volte, spesso, fuori luogo. Mi sembra quasi che sia per lui che continuo a leggere, voglio comprenderlo, conoscerlo e mi irrita doverlo fare solo attraverso gli occhi di Paige che invece scappa da lui.

“Non dovresti giudicare prima di conoscere” le vorrei dire “questa è una forma di razzismo che ti rende piccola, quando invece, sono sicura, sei una grande”. Ed è così, Paige è una grande e più il racconto prosegue, più lei mi dimostra che non è una stupida ragazzetta con un dono speciale… non è solo una sognatrice errante, è molto di più. Vorrei veramente parlare con quella ragazza così testarda che ho imparata ad adorare nonostante il suo carattere scontroso… mi piace.

Ora torno alla mia lettura vediamo come andrà  a finire questo strano, stranissimo racconto…

… …

Ho finito di leggerlo… bello, bello, bello… ideale per leggere qualcosa di diverso dal solito. Interessante per le molteplici idee sui veggenti e sulle auree, sulla vita degli spiriti, su esseri paranormali, sul conoscere il limite umano… molti, molti spunti di riflessioni, eccitante…

Mi ha coinvolta tantissimo anche se come spettatrice. E ne sono felice… di essere una spettatrice, non vorrei mai  e poi mai trovarmi in certe difficoltà… con certe persone che non hanno nessun rispetto per la dignità umana e per la vita stessa… ble!

La sognatrice errante mi ha affascinata da subito, anche se non l’ho compreso immediatamente. Il suo modo di comportarsi, il suo dono, il suo modo strano di ragionare… Spesso dissentivo dai suoi pensieri e soprattutto dai suoi sentimenti. Adorava chi ho sopportato appena e ha detestato chi ho subito amato. Ma le ho voluto bene, molto bene. Ho fatto il tifo per lei e cercato di capirla con un vivido interesse pagina dopo pagina.

Verso la fine del racconto finalmente la storia sembra prendere il verso giusto.  Nonostante fino all’ultima pagina si rimanga con il fiato sospeso, qualcosa è cambiato, tutto ha più senso e diventa più “normale”… chissà se sono io che mi sono abituata allo stile della scrittrice o è lei che si è data una “regolata”?

Non so e non mi importa 😛

La storia finalmente è più comprensibile, arrivo alla fine e rimango di stucco. Ho l’amaro in bocca di chi finalmente ha preso il ritmo e viene arrestato all’improvviso… ma svanisce subito (la delusione), perchè non si può criticare questa fine, forse intuisco che non può essere una fine…

Infatti: leggo su internet che è una saga di ben sette libri e che presto uscirà il secondo… lo leggerò avidamente e aspetterò con trepidazione gli altri…

Non amo le sage che durano anni, ma per questa farò un eccezione 🙂

… a presto ^^ mi caro Arcturus… mia impavida Paige…

Annunci

2 pensieri su “HO LETTO “LA STAGIONE DELLA FALCE”

  1. Pingback: Book Tag Segni Zodiacali | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

  2. Pingback: Ice cream, BookTag | LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...